perchè questo blog?

L'Italia è diventata da anni paese di immigrazione ma da qualche tempo si registra un crescere di fenomeni di razzismo. Dopo la morte di Abdul, ucciso a Milano il 14 settembre 2008, ho deciso che oltre al mio blog personale avrei provato a tenere traccia di tutti quei fenomeni di razzismo che appaiono sulla stampa nazionale. Spero che presto questo blog diventi inutile...


giovedì 17 settembre 2009

"Razzismo in Comune" Querelato l'assessore Borghi

«Amare Gerenzano vuol dire non affittare e non vendere case agli stranieri». Dichiarazioni che, prima dell’estate, avevano scatenato un fiume di polemiche. E che oggi sono costate all’amministrazione e all’assessore leghista Cristiano Borghi una querela da parte di cinque persone, 3 italiani e 2 stranieri (4 dei quali residenti a Gerenzano), che si sono affidati a due associazioni contro la discriminazione razziale.

L’invito dell’amministrazione leghista era stata lanciata dal giornale comunale “Filodiretto con i cittadini”. Dove l’assessore firmava di suo pugno l’invito a combattere il degrado del paese chiudendo le porte agli extracomunitari. Un appello che, secondo gli amministratori, che avevano discusso il tema anche in consiglio, era dettato dal riscontro con la realtà: degrado ed insicurezza erano direttamente riconducibili alla presenza di stranieri. Non la pensano così le cinque persone, che rimangono anonime, che si sono rivolte agli avvocati Alberto Guariso e Livio Neri, e che sono assistite dalle associazioni “Avvocati per niente onlus” ed “Associazione studi giuridici sull’immigrazione”.

La querela è stata depositata ieri al tribunale di Milano e si tratta del primo ricorso in cui si dichiara che l’articolo intitolato «Noi abbiamo chiuso le porte... ma molti gerenzanesi le hanno riaperte» è palesemente razzista. I ricorrenti chiedono al giudice di accertare e dichiarare il carattere discriminatorio del comportamento tenuto da Borghi e di ordinare al Comune di Gerenzano di rimuovere l’articolo.

A parte il carattere palesemente razzista delle dichiarazioni – sostengono – quello che qui rileva è che dal luglio scorso, qualsiasi residente che volesse vendere o affittare a un extracomunitario si vedrebbe a rischio di essere additato non solo come persona egoista e taccagna, ma addirittura come corresponsabile della insicurezza dei cittadini». I ricorrenti si ritengono danneggiati e chiedono anche un risarcimento di 2mila euro (mille per le due associazioni). I tre italiani si sentono discriminati perché non possono trattare l’affitto o la vendita di immobili con gli stranieri, mentre i due immigrati, tutti e due del Camerun, per discriminazione. Uno dei due è residente a Gerenzano ed è cittadino italiano. L’altro abita ad Abbiategrasso, non è cittadino, e vorrebbe trasferirsi a Gerenzano.

fonte: La Provincia di Varese

1 commenti:

Emanuele ha detto...

Proprio ieri ho inviato al Sindaco di Gerenzano una email nella quale, come cittadino, chiedo conto di quanto accaduto.

la lettera è stata pubblicata su
http://www.gerenzanoforum.it/

vorrei che mi informaste su eventuali sviluppi a riguardo